Menu
Dieta Dukan

Dieta Dukan: un pericolo per la salute

DIETA DUKAN: CONSIGLIATA DALLE STAR, NEMICA DEI NUTRIZIONISTI

Uno dei maggiori problemi degli ultimi anni è sicuramente l’obesità. Il tasso di obesità continua a crescere, soprattutto nei paesi industrializzati, e per questo motivo vi è l’urgenza di cercare una soluzione che possa arginare il fenomeno. Complice anche l’imposizione di precisi modelli corporei da parte dei media e del mondo dello spettacolo, negli ultimi anni siamo stati spettatori di un vero e proprio boom di diete miracolose, le quali promettono un sostanziale dimagrimento in tempi rapidi e con poco sforzo. Molte di queste diete vengono inoltre pubblicizzate dalle star, divenendo una vera e propria moda da seguire, come il caso della Dieta Dukan. Le persone che hanno seguito tale regime dichiarano risultati spettacolari, a differenza dei nutrizionisti che invece sollevano pesanti critiche sulla reale efficacia del metodo. Ma quali sono le caratteristiche di questa dieta così famosa?

COME FUNZIONA LA DIETA DUKAN?

La dieta Dukan è un regime alimentare ideato da Pierre Dukan intorno al 2000. Dukan è un ex medico francese, radiato, per sua stessa richiesta, dall’ordine dei medici il 16 maggio 2012. La dieta Dukan è fin da subito molto popolare in Francia e in poco tempo comincia a farsi conoscere anche negli Stati Uniti ed in Inghilterra, dove i libri di Dukan riscuotono un considerevole successo nel pubblico. In Italia la dieta Dukan balza agli onori della cronaca perché sembra sia stato il regime alimentare adottato dalla Duchessa di Cambridge e da attrici e modelle di fama internazionale quali Jennifer Lopez e Giselle Bundchen.

Si tratta di un regime alimentare basato su 4 fasi e 100 alimenti (72 proteine e 28 verdure).

  1. La prima delle quattro fasi è la cosiddetta fase di attacco. Questa fase è molto breve (varia da un minimo di due a un massimo di sette giorni) ed è basata sull’assunzione di proteine pure. Fra le 72 proteine consentite vi sono carni magre, frattaglie, pesci, frutti di mare, pollame (senza pelle), prosciutti light, tacchino, pollo, maiale, uova e latticini magri. È necessario bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno e sono consentiti complementi quali caffè, tè, tisane. Sono inoltre necessari tre cucchiai di crusca al giorno e il ricorso a integratori vitaminici. L’aspetto quantitativo nella dieta Dukan non ha importanza; ciò che conta è non consumare gli alimenti che non sono menzionati e che quindi devono essere considerati come vietati.
  2. Terminata la fase di attacco si passa alla fase di crociera, in cui si devono alternare periodi di proteine con verdure (sono consentiti 28 tipi di verdure, cotte o crude) a periodi di proteine senza verdure. La fase di crociera termina nel momento in cui si è raggiunto il giusto peso, espressione con la quale si intende il peso che deve essere stabilito prima di iniziare la dieta.
Dieta Dukan

3. Siamo ora alla fase tre della dieta Dukan, la fase di consolidamento. Questa fase ha come scopo principale quello di evitare un effetto ingrassante di rimbalzo. La durata di questa fase viene determinata in modo preciso con un algoritmo.
4. L’ultima tappa è la fase di stabilizzazione, la quale consentirà di mantenere il giusto peso e deve essere seguita per tutta la vita. La dieta Dukan prevede per questa fase tre regole: un giorno settimanale di proteine pure, tre cucchiai di crusca di avena al giorno e 30 minuti di attività fisica al giorno.

Sono molte le testimonianze positive di soggetti che hanno seguito tale dieta; in particolare la prima fase, basata unicamente sull’assunzione di proteine, permette un dimagrimento rapido e senza particolari sforzi e rinunce. Per tale motivo, oltre ai costi ridotti e alla facilità di preparazione dei cibi, la dieta Dukan ha riscosso un enorme successo in tutto il mondo. Non è però una dieta che tutti possono seguire e viene vietata dagli specialisti a donne in gravidanza o allattamento, a soggetti con problemi epatici e/o renali, ai diabetici e ai cardiopatici.

Ma quali sono gli effetti a lungo termine della dieta Dukan sulla salute?

GLI ASPETTI NEGATIVI DELLA DIETA DUKAN

Dukan dichiara di aver ideato una dieta iperproteica che fa perdere peso perchè, eliminando l’assunzione di carboidrati, produce un accumulo di corpi chetonici, i quali provocano nausea e riducono l’appetito. I corpi chetonici sono molecole di natura lipidica sintetizzate dal fegato, con caratteristiche metaboliche simili a quelle degli zuccheri. Essi vengono liberati nel sangue in situazioni di emergenza per compensare una carenza di glucosio, essenziale per il funzionamento del cervello. Nonostante le numerose testimonianze positive a favore della dieta Dukan, molti nutrizionisti si dichiarano contrari a una dieta basata su tale approccio, la quale può essere molto pericolosa, come spiega Michele Carruba, direttore del centro di studio e ricerca sull’obesità dell’Università di Milano. I corpi chetonici infatti sono pericolosi per l’organismo poiché alterano l’equilibrio acido-base cellulare e il loro accumulo nelle urine può danneggiare i reni; inoltre possono condurre a disidratazione, stanchezza muscolare, crampi e persino ad aritmia cardiaca. Carruba ha inoltre spiegato che una dieta iperproteica può essere efficace nel breve periodo, in quanto favorisce un rapido calo di peso, ma un simile approccio non educa ad una dieta corretta.

Maria Letizia Petroni, direttore del laboratorio di ricerche nutrizionali dell’Istituto Auxologico Italiano, conferma le affermazioni di Carruba riguardo le diete iperproteiche affermando:

Le diete chetogeniche sono state sperimentate clinicamente su soggetti selezionati, per esempio nel caso dell’epilessia infantile; i corpi chetonici si sono dimostrati così potenti da ridurre i focolai di iperattività neuronali […] In virtù degli studi condotti, ne conosciamo anche gli effetti collaterali: si va dai più lievi come alitosi, stanchezza, irritabilità, stitichezza, ai più severi, come sovraccarico renale, calcoli, fino al rischio di cardiomiopatie.

maria_letizia_petroni_dieta_dukan

Nel 2011 uno studio pubblicato su American Journal of Clinical Nutrition suggeriva che

sono sufficienti quattro settimane di dieta ad alto valore proteico e ridotto apporto di carboidrati per indurre modifiche negative a livello della microflora del colon che possono favorire la comparsa del tumore colon-rettale.

La dieta Dukan è stata criticata anche da organizzazioni come la BDA (British Dietetic Association) poiché non presenta basi scientifiche e, come ammette lo stesso Pierre Dukan, crea problemi di salute come fiacchezza, alito cattivo e costipazione. A causa della mancanza di dati scientifici a supporto della dieta Dukan, il giornale francese Le Journal des Femmes Sante ha deciso di seguire nel tempo 5000 soggetti scoprendo che, nonostante la rapida perdita di peso iniziale, la maggior parte dei pazienti riacquistava il peso perso entro i successivi 5 anni. Le possibili cause possono essere ricondotte a difficoltà nel superare la prima fase della dieta, considerata da molti soggetti la più difficile, anche dal punto di vista psicologico, e al cosiddetto effetto yo-yo, ovvero all’adattamento del corpo a un minor apporto di calorie; al ritorno ad una dieta normale, il corpo verrà a trovarsi in un eccesso di calorie e incomincerà a immagazzinare l’energia in eccesso come grasso corporeo. Gli autori dello studio hanno poi evidenziato i problemi di salute a cui si può incorrere praticando una dieta non correttamente bilanciata, come carenze nutritive, diabete, malattie cardiovascolari e problemi intestinali. Questo perché nella dieta Dukan l’eliminazione dei carboidrati priva il corpo della sua principale fonte energetica: in questa situazione il corpo inizia ad utilizzare le proteine strutturali, come quelle muscolari, per ricavare energia. Non viene perciò eliminato tessuto adiposo poiché in situazione di carenza energetica il corpo preserva le sue riserve di grasso. Il primo effetto negativo di una dieta iperproteica come la dieta Dukan è perciò la distruzione del tessuto muscolare a scopo energetico. L’abuso di prodotti di origine animale predispone inoltre all’aumento dei livelli di colesterolo plasmatico, per la grande quantità di grassi saturi e colesterolo di questi alimenti. Si assiste poi a un incremento eccessivo dei livelli di azoto nel sangue, il quale conduce a un sovraccarico renale.

Effetti collaterali dieta Dukan

L’assenza di fibre causa stitichezza e la sovrabbondanza di proteine predispone alla gotta (accumulo di cristalli di acido urico nelle articolazioni); infine la scarsità di vegetali priva il corpo di antiossidanti, preziose sostanze antitumorali. Oltre ai pericoli che interessano il fisico, la dieta Dukan espone a rischi che riguardano anche la sfera psicologica. Un’alimentazione che sottopone l’organismo a continue privazioni può infatti causare l’insorgenza di veri e propri disturbi del comportamento alimentare difficili da debellare. Dubbi sull’efficacia della dieta Dukan li pone anche uno studio condotto da un team di ricerca canadese e pubblicato sulla rivista Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes.

La ricerca ha preso in esame quattro delle diete tra le più popolari negli Stati Uniti, tra cui anche la dieta Dukan. I ricercatori hanno chiarito che, in un anno, i pazienti sottoposti a queste diete, spesso complesse da gestire o insostenibili psicologicamente, hanno perso tra i 2 e i 6 chili, che è proprio il peso che avrebbero perso se avessero seguito un normalissimo regime alimentare povero di grassi. Il dimagrimento iniziale era dovuto soprattutto a una perdita di liquidi e i chili persi venivano spesso recuperati successivamente.

In conclusione la dieta Dukan viene considerata poco salutare da molti nutrizionisti in tutto il mondo poiché squilibrata dal punto di vista nutrizionale ed inoltre ideata senza alcun limite quantitativo, poiché le restrizioni riguardano solamente l’aspetto qualitativo. Inizialmente si potranno vedere alcuni risultati a breve termine dovuti sostanzialmente alle perdite di liquidi e di glicogeno, ma un tale regime alimentare non può essere gestito per lunghi periodi e da tutti, poiché può condurre a carenze nutrizionali e problemi di salute, come abbiamo visto in precedenza. A causa della crescente popolarità la dieta diventa pericolosa perché considerata come una moda e quindi seguita in modo spontaneo, spesso per il desiderio di perdere solo qualche chilo e non per risolvere problemi più gravi. I nutrizionisti sconsigliano categoricamente il fai-da te e, nel caso venisse consigliata da uno specialista, la dieta Dukan va seguita solo da soggetti che ne hanno realmente bisogno, sotto stretto controllo medico e dopo approfondite analisi e accertamenti dello stato di salute.

BIBLIOGRAFIA

 

A cura di Francesca Furlan. Revisionato da Giulio Libertini.


About the Author : Francesca Furlan

Biologa. Creativa e determinata. Appassionata di scienza. Lettrice instancabile.

2 Comments
  1. Natalia 26/06/2015 at 10:36 - Reply

    Bellissimo articolo, chiaro ed esauriente! Complimenti! 🙂

  2. Francesca Furlan 26/06/2015 at 11:49 - Reply

    Grazie mille Natalia! 😉

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Related post

  TOP